Quando meno te lo aspetti….

image_pdfimage_print

Gli allenatori insegnano, i giocatori creano, agli arbitri il duro compito di far rispettare le regole! Dopo il proiettile umano la NBA ci propone un altro caso estremamente interessante e dibattuto.

Cosa è successo: mancano 13 secondi alla fine del IV periodo; il giocatore bianco pressa il giocatore blu incaricato della rimessa. Durante l’azione difensiva il giocatore bianco mette un piede sulla linea.  L’attaccante blu riapre le linee di passaggio spostando il difensore con l’avambraccio destro.

gino_linea

 

L’arbitro impegnato nell’amministrazione della rimessa è almeno 1mt dietro la linea laterale; il giocatore che rimette ha quindi spazio dietro di sé per retrocedere e per rimettere. E’ sempre opportuno che l’arbitro prima di mettere a disposizione la palla per la rimessa si accerti che tutto lo spazio necessario sia disponibile.

Mondi paralleli: dal punto di vista regolamentare, anche in questo caso NBA e FIBA presentano punti di contatto e divergenze. Cercheremo di districarci tra le pieghe e le interpretazioni. trattandosi di due infrazioni distinte a carico di entrambe le squadre bisogna stabilire quale sia avvenuta prima e considerare la seconda come non avvenuta!

Chi rimette: ha diritto allo spazio fuori dal campo 2mt, ma non può portare la palla in campo oltre la proiezione della linea laterale, né entrare in campo con la palla in mano. NBA e FIBA hanno regole uguali. Il gomito dell’attaccante che spinge per creare spazio provoca un fallo personale a causa del quale la palla deve essere assegnata alla squadra bianca.

Chi difende: ha diritto a muoversi ma non oltrepassare fisicamente la proiezione della linea laterale: toccare la linea, mettere i piedi fuori, uscire con le braccia o altra parte del corpo fuori dal campo è una infrazione trattata in modo differente tra NBA e FIBA. Nel caso specifico, il difensore avrebbe dovuto essere sanzionato con un fallo tecnico. Vediamo perché:

NBA – section II – Delay of game

( 5) se il difensore attraversa la linea perimetrale prima che la palla sia rilasciata per la rimessa.

Penalty – la prima volta ci sarà un richiamo, per ogni successiva infrazione sarà assegnato un fallo tecnico. L’apparecchio dei 24” rimarrà congelato o sarà resettato a 14 (se segna 13 o meno). La squadra in difesa avrà un nuovo periodo di 8 secondi per portare la palla in attacco, se la rimessa è assegnata nella metà campo di difesa. Se la cosa si ripete più volte, sarà dato un avvertimento al capo allenatore come maggiore responsabile

Exception (5) negli ultimi 2 minuti del 4°periodo o di ogni supplementare, un fallo tecnico sarà assegnato al difensore che attraversa o rompe il piano della linea perimetrale quando un attaccante è in posizione per rimettere a prima che la palla sia rilasciata per la rimessa.

FIBA – RT articolo 17.3.2 e RT 36.1.3 e 36.1.4 36.3.1

Il regolamento prevede che il giocatore difensore commette una violazione, l’apparecchio dei 24” deve essere congelato o resettato in funzione del punto in cui si effettuerà la rimessa in seguito alla violazione. Ritardare la ripresa del gioco non permettendo di effettuare una rimessa in gioco comporta un richiamo per il giocatore, da estendere immediatamente all’allenatore (valido per tutti i componenti della squadra) e successivamente un fallo tecnico per ogni seguente infrazione da parte di quella squadra. Il regolamento FIBA non prevede eccezioni quando il cronometro di gara segna 02:00 o meno nel 4° periodo o in un tempo supplementare.

Curiosità: come già analizzato nell’articolo “Proiettile umano”, se l’attaccante avesse usato il pallone per spingere il difensore cosa sarebbe successo?

NBA – la mano è considerata parte della palla quando è a contatto con essa, ma non possiamo dedurre con certezza se spingere un avversario con la palla sia da considerarsi un semplice fallo in attacco, sicuramente non può rientrare nei flagrant o tecnichal foul. Cercheremo di scoprire il mistero.

FIBA – spingere un avversario con il pallone per ottenere un vantaggio illegale o creando un danno al difensore rientra nell’enunciato del art 36.3.1; non essendo un fallo di contatto, il giocatore dovrà essere sanzionato con un fallo tecnico – ed il relativo tiro libero tirato da un giocatore scelto dall’allenatore.

Expect the unexpected! Nell’amministrazione delle rimesse durante un finale di gara con punteggio ravvicinato è normale aspettarsi una forte pressione sulla palla e sul giocatore che rimette. Ma l’attenzione è anche su quanto avviene in campo tra chi smarca: il focus arbitrale si sposta di continuo tra dentro e fuori campo. E’ bene assumere una posizione aperta, molto fuori campo, che includa chi rimette e chi difende, lasciando soprattutto in triplo il resto delle coppie ai compagni di terna. Spesso il difensore preso dalla foga commette violazione. Non altrettanto spesso questa violazione viene rilevata e sanzionata. A volte l’arbitro si limita a fischiare e allontanare il giocatore, al massimo dando un semplice suggerimento volante, ma questa non è la procedura corretta prevista dalle regole. Ancora più raramente capita che sia il giocatore attaccante a commettere violazione; certamente è rarissimo il caso in cui l’attaccante (tra l’altro della squadra in vantaggio nel punteggio) commetta un fallo di contatto utilizzando parte del corpo o tecnico con il pallone. Affrontare queste situazioni con l’adeguata preparazione mentale e tecnica può aiutare a prendere la decisione giusta, soprattutto con la tempestività necessaria: una volta perso l’attimo ed entrata la palla sul terreno di gioco tutta l’attenzione si sposta altrove ed il fischio è perso!

 

Per i più curiosi: interpretazione ufficiale NBA disponibile cliccando qui.

 

Articolo letto 426 volte

banner amazon
Facebooktwitterlinkedinmail

4 commenti su “Quando meno te lo aspetti….”

  1. Ho delle domande:
    – secondo l’interpretazione fiba 17-1/2, l’attaccante può oltrepassare la proiezione della linea
    – nella fattispecie in esame, il contatto tra attaccante rimettente e difensore c’è stato: in questi casi, mi è sempre stato detto che “gomito che colpisce = fallo antisportivo”, o comunque non può essere tecnico, dato che un contatto c’è stato, mentre a metà articolo c’è scritto che questo non è un fallo di contatto e si richiama l’articolo 36.3.1 dove, sinceramente, non leggo che “spingere un avversario con il pallone per ottenere un vantaggio illegale” è sanzionabile con FT.

    1. Ciao Michele,
      – si chi rimette può con la palla in mano può oltrepassare la linea ma non può utilizzare la palla come arma di offesa su un avversario! Questo era il nostro intendimento, sicuramente ci siamo spiegati male.
      – Nell’articolo abbiamo ipotizzato anche il caso in cui il giocatore usasse il pallone anziché una parte del corpo (fallo di contatto = fallo personale, antisportivo o da espulsione a seconda della gravità). Facendo un parallelo tra i due regolamenti. Poiché il RT FIBA non prevede l’attribuzione di un fallo Personale se non c’è contatto l’unica possibilità sanzionatoria del gesto è un fallo Tecnico. Ti ricordo che l’articolo 36.3.1 inizia con

      Un fallo tecnico di un giocatore è un fallo di natura comportamentale che non implica un contatto ed include, ma non è limitato, a: …….

      L’elenco che trovi sotto non è esclusivo, ovvero solo ciò che segue i pallini deve essere sanzionato con un fallo tecnico, l’elenco è inclusivo ma non limitato! Sarebbe impossibile mettere sul regolamento tutte le casistiche possibili, la FIBA ha incluso solo le principali e frequenti, che negli anni sono state aggiornate e modificate, ma non per questo dimenticate. Il fatto che tu non legga tra i pallini quello che cerchi non esclude che l’azione illegale non possa essere inclusa nell’articolo 36.3.1 come previsto dall’enunciato stesso.

      Grazie per l’attenzione con cui ci segui.

  2. Ciao un chiarimento, all’inizio dell’articolo viene spiegato che – Chi rimette: non può portare la palla in campo oltre la proiezione della linea laterale – poi nel commento sotto si dice – chi rimette può con la palla in mano oltrepassare la proiezione della linea – ma all’ora qual’ è la regola ?

    Grazie per il bel sito !

    1. Ciao Fabio.
      Diciamo così: un giocatore può portare la palla in campo oltre la proiezione della linea laterale a patto che non crei un contatto con un avversario mentre la palla è nelle sue mani.
      Gianpaolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *